Che i Florence + The Machine stessero per pubblicare una nuova canzone si era capito da un po’. Durante il primo show del tour in Australia, a Perth, la band ha infatti eseguito a sorpresa una canzone inedita, riportata misteriosamente in scaletta come MD. Il brano è stato poi suonato altre volte, con un titolo provocatoriamente sempre diverso: Meditation, Jubilation, Train Station e Commiseration. La release di Moderation (questo il titolo ufficiale della canzone) è avvenuta sulla radio Apple Beats 1 giovedì 24 gennaio, seguita da una breve intervista di Zane Lowe a Florence, di cui vi riportiamo alcuni estratti tradotti in italiano.

 

“Moderation l’ho scritta di getto mentre stavo registrando High As Hope ma non c’entrava molto coi temi dell’album. Non stavo facendo un disco sulle mie relazioni sentimentali mentre questa è più una canzone che parla delle mie frustrazioni – forse con me stessa – riguardo l’amore. Sapevo che non stavo andando in quella direzione con High As Hope. L’album non parla dell’essere frustrata verso qualcuno, cosa che invece c’è in questo brano. Insomma, non c’entra col viaggio del disco ma è comunque un bel pezzo e sapevo che a un certo punto avrei voluto cantarlo dal vivo. Così l’ho pubblicata, senza seguire più le regole! […] Le cose vanno più velocemente adesso, nel bene e nel male – così funziona lo streaming che però ti permette di avere anche una certa libertà: se hai una canzone che ti piace pubblicala, nessuno penserà che è uscita troppo a ridosso del disco, anche perché non c’è più niente che si avvicini a un disco ormai […] Con la band siamo ancora in tour e avere canzoni inedite fuori scaletta è fantastico per noi, anche come musicisti. Il tour è lungo, di solito dura un anno e mezzo, e ti ritrovi a suonare sempre le stesse canzoni… invece averne delle altre “nascoste” da pubblicare nel mentre è stimolante. Questa in particolare, ho sempre avuto in mente di cantarla dal vivo. Tematicamente ho pensato al mio atteggiamento verso la moderazione e a quanto non sia stata mai capace di averne! […] È una canzone che richiede di essere suonata dal vivo. È divertente, parla dell’aprirsi verso qualcuno ed essere infastidita dal fatto che non ti dia quello che vuoi. Il ritornello invece viene da un ricordo d’infanzia che mi sono portata dietro per anni: essere stata rimproverata in chiesa. Ricordo che la maestra era molto arrabbiata con me. Per sfortuna quei momenti possono segnarti – se sei una bambina, influenzano la tua visione del mondo. Quindi pensavo ‘Oh, c’è un Dio lassù. È super arrabbiato con me e può vedere sempre quello che faccio. E faccio cose sbagliate, di continuo.’ Francamente credo che quello strano senso di colpa sia finito nella musica. Sul palco e nella scrittura mi piace incarnare le mie paure infantili, incarnare quella voce nella testa. È quasi come un esorcismo, se provi a esorcizzare le cose da cui eri spaventata. […] Adoro la musica dance ed elettronica. Non so se farò mai un disco dance ma mi sto appassionando ai vecchi suoni synth. […] Ai miei concerti vedo le persone coi loro cuori a terra. È una cosa bellissima e perciò voglio continuare a cantare dal vivo quest’anno. Forse per il fatto che in questo album mi sono resa più vulnerabile le persone si sentono libere di essere più vulnerabili a loro volta. La cosa importante è connettersi con le persone ed incoraggiarle a essere unite grazie all’amore. È speciale. Potrebbe sembrare una cosa da niente ma quando ti capita di vedere migliaia di persone che abbracciano uno sconosciuto e gli dicono che gli vogliono bene?”

 

Moderation, prodotta da James Ford, è una canzone esplosiva e super rock, lontana dallo spirito intimo di High As Hope. Decisamente più delicata la b-side Haunted House, in cui Florence paragona il suo cuore a una casa stregata. Il produttore Gambles ha dichiarato: “Haunted House non esisteva neanche durante la scrittura di High As Hope. È venuta fuori velocemente, Flo la canticchiava la mattina mentre andavamo in studio ed è apparsa dal nulla, come avviene di solito con questi momenti magici.”

 

>>ASCOLTA MODERATION E HAUNTED HOUSE<<

>>ASCOLTA L’INTERVISTA CON ZANE LOWE<<

>>LEGGI IL TESTO DI MODERATION<<

>>LEGGI IL TESTO DI HAUNTED HOUSE<<