TELEGRAPH – 28 aprile 2016

[English version]

 

Londra, Somerset House, 27 aprile 2016 - Florence alla conferenza stampa per la collezione di orologi e gioielli GUCCI, di cui è testimonial (Photo by Getty Images)

Londra, Somerset House, 27 aprile 2016 – Florence alla conferenza stampa per la collezione di orologi e gioielli GUCCI, di cui è testimonial (Photo by Getty Images)

La prima volta che la cantante Florence Welch provò a incontrare Alessandro Michele, i due si superarono senza accorgersene. “Vidi quest’uomo con una barba alla Shakespeare e tanti gioielli. Io indossavo un gilet con fiamme rosse e pom-pom, ed entrambi guardammo i nostri rispettivi outfit. Quando siamo poi riusciti a incontrarci nel posto giusto [Welch confessa che sono entrambi sbadati] ci siamo tipo detti “Oh, eri tu! Ho visto il tuo outfit!”

Ora che sono buoni amici e ammiratori dei reciproci lavori – Michele ha disegnato la sua prima collezione per il tour di Florence + The Machine – Gucci ha nominato l’eccentrica cantante come testimonial ufficiale della collezione di orologi e gioielli.

La passione di Alessandro per i ciondoli memento mori non si perde con Florence. “Amo come lui impiega la natura e gli animali nella sua collezione di gioielli. Le api sono molto interessanti; venivano considerate come messaggere tra il mondo dei vivi e quello dei morti. Poi ci sono i serpenti, che sono naturalmente simbolo della tentazione… e fiori, che sono belli ma danno anche un’idea di deperimento.”

Alla base dei loro processi creativi c’è lo stesso interesse personale per svariate forme d’ispirazione. “Ha a che fare con l’esporre te stesso”, ci dice la cantante in occasione del lancio della collezione di Gucci. “Alessandro ha messo dei mocassini aperti con pelliccia sul runway. Persino io quando li ho visti mi sono detta “Ma che c***?” Ma quando poi li indossi… Stanno bene con tutto e sono meravigliosi.”

“Nella musica, se qualcosa ti fa sentire a disagio o esposto, allora è la cosa giusta da fare, perché stai davvero dando una parte di te stesso in cui credi e non sei sicuro di come le persone risponderanno – ma il punto di partenza deve sempre essere la meta”.

Dopo aver apertamente scritto della rottura di una relazione nell’ultimo album, Florence ringrazia Michele di aver riportato alla luce il suo “massimalismo” interiore. “Con questo album sentivo davvero di volere un confine più labile tra la performer e la persona. Volevo avere vestiti che avrei potuto indossare anche fuori dal palco perché, essendo il disco così personale, non volevo davvero nascondermi dietro grandi abiti o una maschera”.

I disegni di Michele per il suo attuale tour “erano inizialmente molto essenziali e slanciati, con un completo bianco – poi sono comparse queste maglie colorate con grandi maniche. È come se avessi contenuto per un po’ il mio massimalismo interiore! Penso di essere pronta a colori più chiari.” La Welch è entusiasta di sottolineare il modo generoso di lavorare di Michele. “Senti davvero che lui ti sta dando una visione molto personale dei vestiti, della moda e delle cose che ama. Senti che ti sta dando il tuo cuore, che c’è una storia dietro i suoi vestiti. Possono essere entrambi estrosi e anticonvenzionali, ma è un tipo di creatività con cui siamo assolutamente d’accordo.”